Le parole son bizzarre

e smontarle è divertente 

con dei pezzi da sottrarre

come quando cade un dente

ma il bello viene ora

quando prendi quel che resta

la parola vale ancora

ma si accorcia un po' la festa


Da Wikipedia: In enigmistica lo scarto è uno schema che lega fra loro due parole in modo che la seconda si ottenga togliendo una lettera o una sillaba dalla prima. È pertanto contrapposto alla zeppa, ma con la particolarità comune al cambio di poter specificare la propria tipologia, anche se sempre più spesso si trova nei giochi enigmistici la denominazione di scarto senza aggettivi. Si possono pertanto avere:

lo scarto di consonante (la lettera scartata si trova in mezzo alla parola ed è una consonante);
lo scarto di vocale (la lettera si trova in mezzo alla parola ed è una vocale);
lo scarto iniziale (la lettera si trova all'inizio della parola);
lo scarto finale (la lettera si trova alla fine della parola);
lo scarto di estremi (le lettere scartate sono due e si trovano rispettivamente all'inizio e alla fine della parola).

Esempi

Scarto (di consonante): porzione / pozione
Scarto (di vocale): bacio / baco
Scarto iniziale: cappello / appello
Scarto finale: Gange / gang
Scarto di estremi: asporto / sport
Scarti: partente / parente / parete / prete